Lascia un commento

Uno-due-tre VIA!

E’ tempo di vacanze. E’ tempo di viaggi e per molti è tempo di libri.

Qualcuno approfitta delle vacanze per leggere, altri invece cercano l’ispirazione del viaggio in alcuni libri.Qui di seguito vorrei proporre alcuni libri che hanno come tema l’esperienza di viaggio con i diversi mezzi di trasporto…e allora… uno-due-tre-si paaaaarte!

Viaggio a piedi: “L’ Italia a piedi: 1802” di Johann Gottfried Seume. Una passeggiata – a piedi – che lo scrittore tedesco ha fatto da Rostock a Siracusa. Nel racconto non manca un’acuta denuncia sociale al costume e spesso anche al malcostume italiano.

Viaggio in moto: ”La Cina in moto” di Giorgio Bettinelli. Il grande esperto di viaggi in moto Bettinelli questa volta percorre 39.000 chilometri per visitare un paese le cui trentatré realtà geografiche compongono l’immenso mosaico cinese.

Viaggio in camper: “In viaggio contromano” di Michael Zadoorian è una storia dolce-amara di due anziani coniugi: Ella ha più problemi sanitari di un paese del Terzo mondo, John non ricorda come si chiama sua moglie, ma insieme “formano una persona intera”. E allora? Si parte e stop. Sul loro camper – un vecchio Leisure Seeker – e attraversano l’America da Est a Ovest. Partendo da Detroit, puntano dritti a Disneyland, lungo la mitica Route 66. Un vero e proprio viaggio contromano.

Viaggio in treno: “Un treno fantasma verso la Stella dell’Est” di Paul Theroux. L’autore – un insaziabile viaggiatore in treno – riporta la testimonianza di un’epoca in continua trasformazione, un viaggio nel tempo attraverso i luoghi visitati in Europa e Asia. E’ una saggia mescolanza di politica, geografia, storia e letteratura, con le emozioni e le difficoltà del viaggio, a volte eccentrico in alcune fasi del racconto, ma sempre molto leggibile e interessante. Una brillante cartolina  letteraria.

Viaggio in barca: “La passeggiata da Rostock a Siracusa” di Friedrich C. Delius. Il giovane protagonista – cittadino della DDR – a scuola aveva letto la passeggiata di Seume e da allora vive nella speranza un giorno di poter partire anche lui, sulle tracce del suo concittadino e arrivare a Siracusa. Tenta quindi la fuga dalla cortina con una barca e poi…ecco la storia del primo (e ultimo) turista del blocco sovietico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...